Filippo V, primo dei Borbone a regnare su Napoli

Condividi l'articolo

Allora, non è stato Carlo, quello che poi divenne Carlo III di Spagna il primo Borbone di Napoli? No, è stato suo padre Filippo che fu nominato re di Spagna da quel Carlo II d’Asburgo e che vedete raffigurato bambino, in una statua piuttosto piccola disposta tra la chiesa di Sant’Anna dei Lombardi e la via dello Spirito Santo, all’altezza di palazzo Gravina che è la sede della Facoltà di Architettura di Napoli.

Carlo II, degli Asburgo di Spagna, gracile di costituzione come era, morì giovanissimo nel 1701 dopo essere succeduto sul trono spagnolo al padre Filippo IV. Fu lui a designare re di Spagna Filippo di Borbone, suo cugino, che divenne Filippo V di Borbone, sempre di Spagna.

Filippo di Borbone, nella sua funzione di re di Spagna, venne pure a Napoli nel 1702, e fu la sua designazione a erede e successore di Carlo II di Asburgo a scatenare una guerra tra le potenze europee di allora che durò una quindicina di anni. Fu durante quella guerra che, nel 1707, Napoli, dopo 204 anni di appartenenza alla corona di Spagna, passò alla corona austriaca, quella degli Asburgo, e vi rimase per 27 anni. Nel 1734, gli accordi internazionali attribuirono Napoli a Carlo di Borbone, il futuro Carlo III, che era il primogenito di Filippo V e della sua seconda moglie Elisabetta Farnese.

Grazie a Dio, Elisabetta era una donna educata all’Italiana, una persona molto colta e amante delle belle arti, oltre che ricca di famiglia: fu per eredità di lei che Napoli sta ancora godendo delle tante opere che potete ancora ammirare al Museo Nazionale di Napoli: la cosiddetta Collezione Farnese.

Andatele a vedere!


Condividi l'articolo

0 Comments

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *