Tragedia al Vomero: giovane perde la vita lanciandosi dal ponte di via Mario Fiore

Condividi l'articolo

di Iki Notarbartolo

Ennesima tragedia a Napoli. Al Vomero, questa mattina, un giovane uomo si è lanciato dal ponte di via Mario Fiore e, dopo alcune ore di agonia, è morto.

Intorno alle 9.30 del mattino L.D.M., 45 anni, ha raggiunto il ponte di via Mario Fiore e si è gettato nel vuoto. Sono stati attimi concitati. A nulla son valse le urla dei passanti, accortisi di quello che stava per accadere, ed anche l’intervento disperato di una persona anziana che ha provato con tutte le sue forze a trattenere l’uomo che rapidamente ha scavalcato la ringhiera e si è lanciato nel vuoto, finendo sul selciato di via Conte de la Cerra.

Immediati i soccorsi e l’arrivo dell’ambulanza che hanno trasportato il giovane all’Ospedale Cardarelli. Da subito le sue condizioni sono apparse molto gravi, arrivato al nosocomio è deceduto poco dopo.

Dolore e sgomento tra i residenti e i passanti. Fa male sapere che quel ragazzo abbia pensato che non ci fosse altra via d’uscita. Fa male sapere che i numeri di casi di suicidio siano aumentati.

In quest’ultimo anno, come riportato dall’istat, si calcola un suicidio ogni 12 ore. Dati allarmanti tra i più giovani, che, con la pandemia, sono aumentati del 20%. E’ di pochissimi giorni fa un’altra terribile morte, a Napoli, di una ragazza di 20 anni che si è lanciata dal ponte di via Nuova San Rocco, ed ancora, lo scorso 24 agosto, un ragazzo di 30 anni ha perso la vita precipitando da Posillipo, ma la lista purtroppo non è corta.

Sono mille gli interrogativi impossibili da sciogliere, per la complessità di questo triste fenomeno sociale, che spezzano il cuore. Brutalmente mostrano la fragilità dell’umano, e lasciano un vuoto, insieme a tanto dolore e rispetto, per la vita e per la morte.


Condividi l'articolo

0 Comments

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *