• January 23, 2019
  •  

I TURCHINI DI NAPOLI FURONO FONDATI DAI PADRI BIANCHI

Napoli ebbe 4 Conservatori di Musica, tutti importanti per gli allievi e i maestri che vi insegnarono.
Il più famoso fu il Conservatorio dei Turchini.
Fu detto così, benche fondato dai padri Bianchi nel XVI secolo, perchè gli allievi portavano grembiule e copricapo turchino.
I Conservatori, utilissimi alla città e alle classi più poveri, vissero sempre di vita piuttosto grama, affidati come erano, alla carità delle classi più abbienti.
I giovani imparavano gratuitamente a suonare qualche strumento e poi, lo stesso Conservatorio provvedeva a mandarli “in paranza” cioè a suonare dietro compenso nei teatri ( nel XVII secolo a Napoli ce ne erano molti) o nelle case della nobiltà che sapeva apprezzare molto la musica.
Anche il clero apprezzava la musica e gli allievi del Conservatorio dei Turchini furono chiamati spesso a suonare addirittura in Vaticano, davanti al Papa.
Tra i maestri e gli allievi furono in molti a raggiungere livelli di famma internazionale: ci piace ricordare, tra gli altri il compositore Leo e Niccolò Piccini.
La vita, comunque, rimaneva stentata e quando vennero i Francesi a Napoli, riunirono i 4 Conservatori nel Conservatorio che oggi è universalmente riconosciuto come uno dei più importanti d’Europa:
il Conservatorio di S. Pietro a Maiella.
Tutti riconoscono in Napoli la capitale della canzone popolare.
Sono in meno a sapere che Napoli è una capitale di musica da Camera, di musica operistica e di ogni genere di musica, jazz compreso.

0 Comments

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *