IlConfronto » Attualità » Disparità: le donne sono più istruite ma nella sanità i ruoli apicali spettano agli uomini

Disparità: le donne sono più istruite ma nella sanità i ruoli apicali spettano agli uomini

0
Condividi l'articolo

C’e’ Disparità. La parità dei ruoli apicali nel settore della sanità, tra gli uomini e le donne, è ancora lontana dall’essere raggiunta. Openpolis – fondazione indipendente – parla chiaro: il ministero della salute non ha nominato nessuna donna a capo dipartimento.

Il 39,7% delle donne riveste ruoli apicali nelle ASL, i direttori amministrativi donne sono il 42% e solo il 25% svolge il ruolo di direttore generale. Eppure il numero delle donne al di sotto dei 69 anni iscritte all’ordine dei medici si attesta al 52% nonostante ciò, la sanità è gestita, in larga parte, da uomini.

La situazione non è tutta uguale nelle singole regioni: in Toscana il 57% di donne ricopre ruoli apicali, nelle Marche il 50%, nelle altre la percentuale è intorno al 40%, mentre in Campania al 34,8%. Disparità di trattamento inaccettabili considerando che le donne sono più istruite degli uomini, infatti nella fascia di età 25- 64 anni le donne laureate sono il 23,5% a fronte del 17,1% degli uomini.

Nelle discipline “STEM” (Science, Technology, Engineering, Mathematics) le percentuali si invertono: 16,6% donne, 34,5% uomini. Nelle Regioni del Sud la popolazione residente è risultata mediamente meno istruita di quella del Centro Nord: il 38,1% ha il diploma di scuola secondaria superiore e il 16,8% ha la laurea, contro il 45% dei diplomati e il 21,2% dei laureati nel Centro Nord.

Disparità

Disparità, forse, dovuta alle differenze socio-economiche esistenti tra le due aree del paese. Infatti il reddito del meridione è la metà e la disoccupazione è doppia rispetto a quella del Nord. Ciò si riflette sulla differenza delle percentuali di diplomati e laureti tra sud e Nord, dovuta anche all’incremento dei costi per l’scrizione alla scuola superiore e universitaria.  Inoltre, negli ultimi 20 anni, si è avuta la riduzione del sostegno economico alle famiglie, essendo stati ridotti i fondi per le borse di studio erogati dalle università del Sud.

La sinergia negativa di questi due fattori ha comportato che molti giovani meridionali sono nell’impossibilità di iscriversi persino ai corsi delle università pubbliche. Lo Stato deve offrire identiche opportunità a tutti prescindendo dal sesso e dalla collocazione geografica. Non si può parlare di uguaglianza sostanziale, se non si eliminano gli ostacoli di ordine economico e sociale che ne impediscono la concreta applicazione (art. 3 della Costituzione).


Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *