• September 18, 2019

L’antica Festa del piede di Sant’Anna

Napoli è la città dove maggiormente è invocata S. Anna.
Per chi non lo sapesse, s. Anna è la madre della Madonna, la madre di Gesù, che tutti chiamano anche “la madre di Dio”.
Parlando in termini solo umani, S’Anna sarebbe la suocera di Dio.
Non è per questo che la santa è tanto rinomata a Napoli.
Dovete sapere che, nel 1654, il principe di Montemiletto del ramo Tocco fece edificare un sontuoso palazzo che si affacciava sulla valle dei Monti, dove c’è la via Ventaglieri, e ai margini di quello che oggi è il corso Vittorio Emanuele, in cui ricavò una cappella dedicata a S’Anna di cui aveva importato una importante reliquia: il “piede di S. Anna proveniente dalla Grecia ed ereditata dagli avi molto tempo prima.
Infatti la famiglia Tocco ha origini greche e di essa si hanno notizie storiche risalenti al XIII secolo.
Tutta la zona circostante il palazzo diventò rinomata come “Contrada del Piede di S. Anna”,
Il palazzo è imponente e bello con la sua facciata rifatto quando Ferdinando IV aprì il corso che prima dell’avvento dei Savoia, si chiamava corso Carolino, perchè era intestato alla regina Carolina, come volle suo marito, Sua maestà il re di Napoli.
Il 26 luglio si festeggia S.Anna e i Napoletani erano soliti fare una grande festa con grande concorso di popolo, infinite bancarelle e spari di fuochi d’artificio.
Allora era veramente difficoltoso arrivare a quella quota della città perchè le strade erano stradine percorribili da asini e muli in quanto molto appese, ma questo non distoglieva i Napoletani dal praticare la loro devozione quasi come si continua a fare oggi per S. Gennaro!
La festa durava una settimana intera e c’era sempre tanta folla dinanzi al palazzo Tocco!
Pensate che per arrivare là, c’era la salita del Cavole o la salita di S.Antonio ai Monti oltre il tracciato di via Ventaglieri.
Ora sono in pochi, a Napoli, a ricordarsi di quella importante reliquia che si trova ancora a Napoli, nel Duomo, accolta nella cappella della famiglia Capece-Galeota.
Lo stemma della famiglia Tocco, a Napoli, si trova anche su altri palazzi.

0 Comments

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *