CAMBIAMENTI POSTURALI IN GRAVIDANZA

a cura di Fiorenza Grella

La gravidanza è un periodo di grande cambiamento per una donna e il suo corpo subisce notevoli modifiche posturali. Durante i nove mesi di gestazione l’apparato locomotore si modifica e rimodula il proprio equilibrio in risposta al progressivo aumento del peso corporeo, al lavoro muscolare asinergico, all’aumento della lassità del tessuto collagene, all’assetto che la colonna vertebrale e le articolazioni sacro-iliache sono costrette ad assumere a causa dei cambiamenti spaziali del bacino, al cambiamento dei vincoli muscolo-scheletrici degli erettori della colonna che, dal sacro e dall’ileo, risalgono cranialmente per inserirsi sulle vertebre lombari e toraciche e opporsi alla flessione anteriore causata dal peso del tronco. Le funzioni motorie trovano una nuova “performance” funzionale nel disequilibrio motorio adattandosi alle variazioni dei baricentri parziali del capo, torace, bacino e coscia. In seguito agli spostamenti dei carichi assiali e alle curve sul piano sagittale la colonna vertebrale si pone in uno stato di instabilità e conseguente dolore rachideo.

La donna gravida come reagisce a queste modifiche?

La gravidanza è un periodo di grande cambiamento per una donna e il suo corpo subisce notevoli modifiche posturali. Durante i nove mesi di gestazione l’apparato locomotore si modifica e rimodula il proprio equilibrio in risposta al progressivo aumento del peso corporeo, al lavoro muscolare asinergico, all’aumento della lassità del tessuto collagene, all’assetto che la colonna vertebrale e le articolazioni sacro-iliache sono costrette ad assumere a causa dei cambiamenti spaziali del bacino, al cambiamento dei vincoli muscolo-scheletrici degli erettori della colonna che, dal sacro e dall’ileo, risalgono cranialmente per inserirsi sulle vertebre lombari e toraciche e opporsi alla flessione anteriore causata dal peso del tronco. Le funzioni motorie trovano una nuova “performance” funzionale nel disequilibrio motorio adattandosi alle variazioni dei baricentri parziali del capo, torace, bacino e coscia. In seguito agli spostamenti dei carichi assiali e alle curve sul piano sagittale la colonna vertebrale si pone in uno stato di instabilità e conseguente dolore rachideo.

La donna gravida come reagisce a queste modifiche?

Come già affermato, il corpo della donna in stato interessante è sottoposto a cambiamenti e il 75%, secondo le statistiche, delle donne gravide accusa dolore nella zona lombare e ciò è dovuto a diversi fattori:

  • Modifiche posturali;
  • Ormonali;
  • Individuali (età,obesità…).

È possibile intervenire sul primo fattore mediante la ginnastica posturale per tonificare la muscolatura addominale e mobilizzare il rachide lombare rendendo più elastici i muscoli della schiena con esercizi specifici per il bacino. La ginnastica posturale in gravidanza oltre a dare sostegno alla colonna agisce sull’apparato scheletrico favorendo la mobilizzazione degli spazi intervertebrali e/o “neutralizzando” eccessive curvature. È possibile prevenire e/o recuperare i danni da sovraccarico sul rachide attraverso il controllo neuromuscolare sul core stability. La muscolatura del core è rappresentata dal sistema muscolare locale e dal sistema muscolare globale. Il primo è formato dai muscoli del trasverso addominale, dal multifido, dagli obliqui interni, dal diaframma e dai muscoli del pavimento pelvico; il secondo include il retto addominale, gli obliqui esterni, gli erettori della colonna e il quadrato dei lombi. La finalità della core stability è quella di permettere, attraverso un adeguato controllo muscolare, una corretta postura e il controllo della regione lombo-pelvica. Il dolore alla schiena dovuto all’alterazione posturale che si verifica con il progredire dello stato gestazionale, con l’aumento del peso e il relativo spostamento del baricentro del corpo può essere alleviato con esercizi posturali mirati che permettono il mantenimento di una corretta postura. Inoltre l’esercizio fisico in gravidanza aiuta anche a migliorare la forma fisica, ovvero a mantenere sotto controllo l’aumento del peso, l’attività intestinale, la circolazione sanguigna, in particolare il microcircolo periferico, evita dolori, crampi muscolari, ristagno e ritenzione idrica, favorisce la produzione di sostanze chimiche come serotonina, dopamina, endorfina che contribuiscono al controllo dell’emotività e dello stress in modo da promuovere un atteggiamento sereno durante la gestazione. Infine, è importante sottolineare che la pratica di una corretta ginnastica posturale comporta uno stato di benessere generale.

0 Comments

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *