Al MANN la mostra “Gladiatori” – Un’occasione per gli scatti di Flegrea Photo

Condividi l'articolo

di Margherita Calò

La diminuzione dei contagi Covid 19 ha permesso la riapertura dei musei ad un pubblico finalmente in presenza. Per diversi mesi ci siamo abituati alle visite virtuali ma ora è possibile visitare l’esposizione “Gladiatori” al MANN , sino al 6 gennaio 2022. Lo scorso mese di marzo è stata presentata in anteprima digitale; le immagini virtuali possono soddisfare la curiosità ma la percezione sensoriale dei reperti e delle ricostruzioni dal vivo producono nei fruitori emozioni molto diverse.
E’ il caso dell’Associazione Flegrea Photo che ha colto l’occasione il 29 maggio scorso per portare in visita guidata i suoi soci, col fine di fermare le immagini con scatti sapienti e professionali. La grande mostra che unisce archeologia e tecnologia presenta 160 reperti nel Salone della Meridiana e un percorso off nel Braccio Nuovo per la “Gladiatorimania” da trasmettere a ragazzi ed adulti con un ampio fine didattico.
Il Direttore Giulierini afferma: – “L’esposizione racconta non solo il mito, ma anche la dimensione umana dei Gladiatori. Il progetto scientifico, senza sacrificare il rigore metodologico, unisce istituzioni italiane e straniere sotto
l’egida di un condiviso percorso di conoscenza. Parte integrante dell’itinerario è la “settima sezione” tecnologica che,
intitolata significativamente “Gladiatorimania” e concentrata nel Braccio Nuovo del Museo e costituisce un vero e proprio strumento didattico e divulgativo per rendere accessibili a tutti, adulti e ragazzi, i diversi temi della mostra.
«Idoli delle folle, bramati dalle donne e protagonisti di storiche ribellioni, i gladiatori furono baciati da una fama che già
alla loro epoca varcò i confini delle arene e che nel corso dei secoli si è ulteriormente ingigantita».
Abbiamo visto i fotografi di Flegrea Photo soffermarsi con le loro attrezzature professionali ed amatoriali nei diversi punti della mostra, legando particolari di elementi archeologici a spunti dati dalla sezione “Gladiatorimania”. Un mix di immagini originali e singolari.

La visita, oltre a rappresentare un tema molto interessante per la fotografia, ha permesso al Presidente della Flegrea Photo dottor Francesco Soranno di presentare l’edizione 2020 del Premio CAMPI FLEGREI, concorso fotografico nazionale con mostra finale presso Castello di Baia. In realtà per le note
vicende Covid 19 il Premio avrà valore anche per il 2021. Il Tema proposto per la partecipazione è TERRAMADRE
come riaffiora la vita. Il tema è interpretabile attraverso la rappresentazione fotografica dei tanti luoghi archeologici di
cui il nostro Paese è ricco, luoghi e siti custodi delle nostre origini, terre di segni, memorie, rammenti, terre antiche, terre di storie, terre di bellezze e identità, terre di radici collettive. Questo evento è in sintonia e precede le iniziative che Flegrea Photo ha in programma con i comuni dell’area Flegrea che sono in cantiere per Procida città dell’Arte 2022.
Concludendo la mostra “Gladiatori” è frutto di un’intensa rete scientifica interistituzionale presentata all’Antikenmuseum Basel und Sammlung Ludwig. Tra le partnership prestigiose il Parco Archeologico del Colosseo,
che è unito al MANN da un protocollo d’intesa per valorizzare la comune programmazione culturale. La mostra è stata
promossa con il sostegno della Regione Campania che intende valorizzare le varie cittadine campane che hannolegato la loro storia alle vicende gladiatorie e dove si possono visitare i luoghi presenti nei plastici, ricostruzioni e video.


Condividi l'articolo

0 Comments

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *